Andrea

imageMi chiamo Andrea Campanella e questo è il mio viaggio, un pezzo della mia vita, e della vostra.
Sono il fondatore di questa pagina e, sempre insieme a voi, di tutto ciò che di concreto si è materializzato attorno.Questa avventura è iniziato nel 2010 uscendo dalla porta dello psichiatra dove ero finito per mia volontà dopo una forte crisi depressiva,l’ennesima.

Fin da piccolo la mia strada è stata frastagliata, magica, paradisiaca ed infernale, depressiva/maniacale.
Dopo 37 anni di slalom tra i paletti di questa para olimpiade sociale che è il nostro tempo, molti tentativi di sbrogliare la matassa che ingarbugliava l’aquilone dei mie sogni, il filo in fine mi si era attorcigliato al collo.

Dopo qualche seduta, 3/4 settimane di antidepressivi la decisione di raccontare allo specialista la mia visione, la mia auto terapia.
Ho abbandonato i farmaci e con queste parole l’ho salutato:

La luna dalla scogliera Uscita d’emergenza
Quel giorno ero solo nell’ isola,
gli altri non so dove fossero ed infondo non me ne importava nulla!
Una cosa nuova attirava le mie attenzioni:
le strade che percorreva la scogliera, intrecciandosi tra loro, formando quel labirinto percorso così affondo che:
la lana era finita da così tanto che:
la nudità non mi spaventava più, ora correvano verso l’interno…

La sua reazione semplice e concreta, alla Matrix:
“La scelta e tua, se esci da quella porta e vai a destra entri in psichiatria con la terapia che conosci.
Se vai a sinistra e concretizzi la tua visione, la tua auto terapia puoi realizzarti ed uscire dalla tua situazione, con fatica, molta fatica…”

Il fatto che mi avessero dato una carta che attestava il mio malessere è stata la chiave di volta per trovare un’uscita da questa situazione senza usare i farmaci, ma cercando di fare le cose che amavo e quindi che mi facevano stare bene.

Così ho abbandonato il lavoro, per anni ho fatto il tecnico dei sistemi di sicurezza bancaria, la casa, mia moglie, gli amici ed ho deciso di ritrovare me stesso, il senso della mia esistenza partendo dalla riscoperta e dalla valorizzazione dei mie talenti.

Quello che sto cercando di fare attraverso questo viaggio è innescare un cambiamento intorno a me partendo dalla realizzazione profonda della mia identità:
Questa è stata per me l’unica vera cura, che mi ha permesso di ritrovare il mio centro al di la delle etichette che mi sono e che mi erano state assegnate.